Busto Arsizio, inviato di Striscia la notizia entra in Tribunale con la pistola

Volevano dimostrare che, nonostante i controlli e, soprattutto, i nuovi regolamenti, la sicurezza dei Tribunali è, di fatto, inesistente e che un qualsiasi malintenzionato potrebbe entrare tranquillamente anche armato. E così alcuni inviati di Striscia la notizia, la trasmissione di Mediaset, sono entrati nei locali del Tribunale di Busto Arsizio con una pistola finta.
Dopo il blitz, testimoniato dalle immagini delle telecamere che gli inviati di Striscia la notizia si sono portati al seguito, un inviato del tg satirico ha poi mostrato il video al Procuratore Capo Gianluigi Fontana, spiegando che «quando i giornalisti sono entrati il metal detector ha suonato ma il vigilantes si era spostato all’esterno a dare informazioni a una persona».
«E’ un fatto grave, ma comunque straordinario – ha commentato Fontana – è capitato molte volte di bloccare persone che volevano entrare senza passare dai controlli e sono state bloccate. Non è una novità che necessiteremmo di più personale».
L’edificio è dotato di nastro con monitor per visionare il contenuto di valigette e borse e metal detector, non si passa senza mostrare i documenti.
«A presidiare tutta la struttura abbiamo due persone, una volta dentro si è dentro – ha aggiunto – va tenuto conto che gli addetti alla sicurezza sono pochi in tutti i Tribunali e che siamo in una fase delicata per il passaggio di gestione tra Comune e Ministero».