Berlusconi rilancia “Altra Italia”: «È necessaria per sconfiggere Renzi»

Silvio Berlusconi supera le polemiche, considera capitoli chiusi tutti coloro che sono passati alla corte di Renzi e rilancia il progetto “Altra Italia”. «Il 55% degli aventi diritto non va a votare perché sono delusi sfiduciati e rassegnati. Odiano chi fa politica di mestiere quindi per far cambiare loro idea per recuperare questo consenso dobbiamo affiancare a Forza Italia una fondazione con le migliori personalità che ci sono in Italia unanimemente apprezzate dai cittadini», afferma il Cavaliere partecipando alla direzione di Rivoluzione cristiana, guidata da Gianfranco Rotondi.

Berlusconi contro Renzi: è stato catapultato a Palazzo Chigi

La posta in palio è alta, bisogna disarcionare il governo di centrosinistra. «Noi oggi siamo governati da un signore che con una manovra manipolata, le cosiddette primarie, è riuscito a diventare segretario del Pd e poi si è autocatapultato a Palazzo Chigi», ha aggiunto Berlusconi. «Questo signore che conta sul voto di un italiano su sei non solo governa, ma cambia la legge elettorale secondo la sua utilità e cambia la Costituzione».

«Con questa legge elettorale c’è il rischio che si vada a un ballottaggio fra Pd e M5s. Se non interviene qualcosa di nuovo e cioè una crociata per la democrazia che mobiliti tutti gli elettori delusi, rassegnati che ritengono inutile l’esercizio del voto. Sono gli elettori moderati e di buon senso, sono l’Italia del centrodestra». Una battuta anche sul Milan: «Se ho tempo vado io in campo a giocare…».