Allarme meningite in Toscana: colpite una bimba di 3 anni e una donna di 75

È allarme meningite in Toscana. Una bimba di tre anni della provincia di Pisa è stata colpita da meningococco di tipo B. In precedenza, si era avuta notizia di una donna di 75 anni, residente a Portoferraio, sull’Isola d’Elba, ricoverata nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Livorno per una forma di meningite di tipo batterico da pneumococco.

I luoghi frequentati dalla piccola

La bambina è stata ricoverata all’ospedale pediatrico fiorentino Meyer in prognosi riservata. Secondo quanto riferito dalla Asl, le sue condizioni sono stabili. Ma è allarme per il timore di contagio. I medici dell’igiene e sanità pubblica, ha fatto sapere la Asl, «stanno eseguendo la profilassi su tutti quanti sono entrati in contatto con la piccola paziente». Particolare attenzione viene posta alla scuola materna pubblica di Ghezzano (Pisa), nel comune di San Giuliano Terme, frequentata dalla piccola e ai luoghi affolati in cui è stata la bambina a ridosso dell’esplosione dell’infezione: il cinema Isola Verde di Pisa, dove la bambina il 4 ottobre ha assistito alla proiezione delle 16.15 di Inside Out, e il nuovo McDonald’s della Darsena pisana, dove la piccola è stata il 6 ottobre.

La Asl avvia la profilassi per meningite

«Tutti coloro che potrebbero essere entrati in contatto con la bambina sono invitati a presentarsi agli ambulatori della Asl per sottoporsi alla profilassi», ha fatto sapere la Asl, ricordando che per i bambini nati dal 2014 il vaccino è gratuito e che la vaccinazione contro la meningite B è fortemente raccomandata. La Asl, quindi, ha invitato i genitori a rivolgersi al proprio pediatra di famiglia che fornirà tutte le indicazioni necessarie sulla vaccinazione.