Al via il primo “Gay Expo” di Bologna gli abiti per gli sposi omosessuali

Anche se il matrimonio gay in Italia non è previsto, il mercato è già pronto per sfruttarne il business: sabato e domenica prossimi, a Bologna, nell’ambito di “Bologna Sì Sposa”, si terrà la prima edizione del Gay Bride Expo, il primo salone italiano dedicato alle unioni tra persone dello stesso sesso. All’inaugurazione parteciperà Maria Nazionale, icona della canzone neomelodica napoletana. Ci saranno stand che propongono ogni tipo di prodotto ed iniziativa dedicati ai matrimoni gay, ma ci saranno anche spazi di dibattito e approfondimento per sensibilizzare l’opinione pubblica alla causa.

Una fiera sui matrimoni gay, peraltro qui ancora illegali

L’iniziativa si lega anche a Buy wedding, la sezione della fiera dedicata al turismo legato al mondo dei matrimoni, visto che all’estero l’Italia rimane una meta molto ambita anche per questo particolarissimo tipo di viaggi. «Il matrimonio tra persone dello stesso sesso – commenta Flavio Romani, presidente di Arcigay che patrocina l’iniziativa – è ormai un dato acquisito nella cultura europea: sono pochissimi i Paesi che come l’Italia stagnano nel non riconoscimento di coppie formate da gay e lesbiche. I Paesi che hanno introdotto il matrimonio egualitario ci raccontano degli effetti positivi, anche economici, che l’estensione dei diritti a tutti e tutte in grado di portare».