Al Colosseo l’ultima invenzione delle baby Rom: travestite da turiste per rubare

Sono diventate l’incubo di stranieri in visita a Roma. L’ultimo stratagemma della banda delle baby ladre rom, per ingannare i turisti e svuotare le loro tasche, è quello di travestirsi da giovani turiste. L’ultimo caso risale a giovedì, quando otto ragazzine tra gli 11 e i 14 anni sono state fermate dalla polizia locale di Roma Capitale: erano già tutte fuggite dal centro di accoglienza  minorile in via  di sant’Annibale di Francia a Fidene. E la più piccola era stata già fermata per borseggio ben 13 volte.

Baby ladre rom travestite da turiste in azione a Termini e al Foro Romano

Quattro di loro sono state “beccate” in flagrante mentre tentavano di mettere le mani nelle borse dei turisti in fila per accedere al Foro Romano. Tutte provenienti dal campo nomadi di Castel Romano, cercavano di passare inosservate “travestendosi” da turiste, zainetto in spalla e cartina di Roma alla mano. Le altre quattro sono state fermate alla stazione Termini avevano in tasca il biglietto del treno Frecciarossa per Milano, segno che volevano dimostrare di essere in regola e così potevano muoversi con tranquillità e svuotare le tasche dei turisti. Le indagini, come riporta il Corriere, puntano ora ricostruire la mappa delle famiglie dei campi nomadi di Castel Romano e Aprilia che sfruttano le minorenni. Quello delle bay ladre è un fenomeno in crescita e che preoccupa soprattutto in vista del Giubileo. Secondo una stima si calcola che sparse per Roma ci siano 281 minorenni capici di fare ogni giorno un bottino di 4-5mila euro.