Abbassare le tasse è di destra o di sinistra? Di sicuro è un’idea copiata…

Matteo Renzi ce la mette tutta per irritare quelli che stanno alla sua sinistra, o meglio quelli che lo criticano. E così ha pensato bene di approfittare anche della legge di stabilità per ribadire che lui certe discussioni ideologiche non le sopporta e non le calcola: “Sto leggendo in questi giorni la discussione se abbassare le tasse sia di destra o di sinistra. Abbassare le tasse è giusto. Punto”. Ed è subito partito il fuoco di fila di chi non ci sta, e trova ingiusto che sia saltata l’Imu sulla prima casa anche per chi ha ville e castelli, anche per quei ricchi che dovrebbero dare di più come dice il Vangelo (chi ha di più deve dare di più), come afferma il senatore della minoranza dem rMiguel Gotor. Anche Nicola Fratoianni di Sel incalza: ”Renzi dice che è giusto togliere le tasse. Lo sarebbe se le avesse tolte a chi lavora e ai piccoli produttori, invece le ha tolte ai ricchi, a chi ha i castelli e le ville. No, caro Renzi, questa non è una Finanziaria di sinistra”.

Tasse giù, il plauso di Confindustria

Plaude a Renzi, invece, il presidente della Confindustria Squinzi: ridurre le tasse è di destra o di sinistra? “Tagliare le tasse è bello. Io pago le tasse in 40 paesi del mondo, oscillano dallo zero di Singapore al 56% in Italia. Ditemi voi se non è bene tagliare le tasse”. Ma anche nell’abbassare le tasse, avverte Roberto Speranza, minoranza dem, c’è un modo di destra e uno di sinistra. Anzi sta procedendo con un metodo “di destra”. Alla fine di tutto questo dibattito un po’ ozioso, dunque, non sembra avere tutti i torti Silvio Berlusconi quando dice che, su Imu e Tasi, Renzi lo sta copiando. Anche la minoranza dem conferma…