Salvini: «Io sto con Marine Le Pen, Berlusconi con Angela Merkel»

Il tema che divide la Lega Nord e Forza Italia è sempre l’Europa perché “io a Strasburgo sono con Marine Le Pen mentre Berlusconi è con Angela Merkel, io penso che le posizioni più giuste siano quelle di Le Pen”, ha spiegato Matteo Salvini sulle future alleanze parlando a Marina di Pietrasanta (Lucca) all’incontro organizzato da Il Giornale. Per il resto Salvini si dice “disponibilissimo a non fare tutto da solo e fare un tratto di strada in comune ma senza perdere la mia identità”. “Su tasse, Europa – incalza il leader della Lega – io non cambio idea sono altri che dovrebbero venire sulle nostre posizioni. Mi alleo anche domani mattina se qualcuno mi offre un’Italia diversa che si può fare”.  Salvini riserva comunque parole di stima personale per il leader di Forza Italia. “Berlusconi lo rispetto e lo stimo per quello che ha fatto e per quello che farà mentre Renzi mi sta antipatico. Berlusconi, ad esempio, in politica estera batte Renzi dieci a zero: spero si possa lavorare bene”

“Rispetto tutti gli altri – dice ancora Salvini sul premier– ma non ho il modus operandi di Renzi: Se uno la pensa come me è bravo, se la pensano diversamente è una bestia” .  Il leader della Lega parla anche (in modo soft) dei grillini. “Il M5s hanno buone idee di base, onestà, poi bisogna vedere cosa fanno in concreto. Su immigrazione abbiamo due approcci diversi, votano nel 99% dei casi nelle istituzioni con la sinistra oppure, come al Consiglio regionale della Toscana propongono, per risolvere problema cinghiali hanno proposto sottopassi per cinghiali. A me sembra una cazzata. Su molti temi con M5s le strade divergono”.

Il dissenso con la maggioranza resta totale. “Da settembre, senza bacchette magiche, farei cose molto diverse da questa maggioranza. Loro pensano alla riforma del Senato e ai matrimoni gay. Vorrei capire se queste sono le urgenze… mentre per un’inezia, che da gennaio colpirà soprattutto le donne, nessuno fa niente. Bisogna cambiare la legge Fornero e non le c…”.