La sai l’ultima di Marino? «Ho salvato due persone sull’aereo Roma-New York»

Come sindaco è un disastro, ormai la sua fama fantozzesca è nota a livello pleanetario. Ma come medico, a quanto pare, Ignazio Marino ancora se la cava, almeno a giudocare dai suoi stessi racconti, appena sbarcato dal volo Roma-New. York. Dopo le polemiche che lo hanno interessato in patria quando ad agosto rimase in vacanza in America mentre a Roma scoppiava il caso Casamonica e il governo decideva sulla gestione del Giubileo, il sindaco di Roma avrebbe rispolverato le sue competenze da medico intervenendo per aiutare due passeggeri. Ma sarà vero?

Marino medico ad alta quota

A raccontarlo è stato lo stesso Marino al suo arrivo al consolato di New York dove ha avuto un incontro con alcuni imprenditori e filantropi. «Mi sono alzato due volte: prima per un passeggero che ha avuto una crisi respiratoria e poi per un altro che ha avuto un attacco di panico», ha detto il sindaco il quale ha aggiunto: «Hanno chiesto di un medico e sono intervenuto. Alla fine ho detto al capitano che la prossima volta mi dovrà far viaggiare gratis», ha aggiunto. Il sindaco è tornato negli Usa per partecipare alla visita di papa Francesco. Le spese del viaggio istituzionale di Marino, hanno spiegato dal Campidoglio, saranno a carico del comune di Philadelphia che lo ha invitato. L’invito si inserisce nel solco della collaborazione tra le due città e nell’aiuto che secondo il sindaco di Philadelphia l’amministrazione di Roma – città dove ha sede il Vaticano – avrebbe dato nell’organizzare la visita del Pontefice.