Napoli, maxi blitz anti-camorra ai Quartieri Spagnoli: oltre 40 arresti

È partita alle prime luci dell’alba il blitz anti-camorra condotto a Napoli dai carabinieri: una maxi operazione a tappeto che finora ha portato all’arresto di una quarantina di persone, presunte affiliate e vicine a clan attivi nel centro storico della città.

Blitz anti-camorra a Napoli

Nel mirino delle forze dell’ordine sono finiti clan camorristici con basi operative nei Quartieri Spagnoli; i principali destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere sono ritenuti responsabili a vario titolo di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, ricettazione, traffico di stupefacenti, detenzione e porto abusivi d’armi comuni e da guerra. Tra le persone arrestate figurano anche titolari di noti esercizi commerciali napoletani. L’operazione è condotta dai carabinieri di Napoli; l’ordinanza di custodia cautelare è stata richiesta dalla locale Direzione distrettuale antimafia ed emessa dal gip partenopeo.

Oltre 40 arresti ai Quartieri Spagnoli

Dal blitz anti-camorra compiuto dai carabinieri di Napoli, tra perquisizioni e fermi, è emersa soprattutto la forza del clan camorristico dei Mariano sui Quartieri Spagnoli di Napoli. Non a caso, allora, l’operazione condotta dai carabinieri ha portato all’esecuzione di 34 ordinanze di custodia cautelare in carcere e di 9 disposizioni ai domiciliari. La cosca – come rivelano le indagini coordinate dal comandante del reparto operativo di Napoli, il tenente colonnello Alfonso Pannone – esercitava il suo potere criminale attraverso lo spaccio di droga, imponendo il pizzo ad operatori commerciali e nella contraffazione di capi di abbigliamento ed orologi di lusso. Nel corso dell’operazione, infine, sono stati arrestati anche due ristoratori: si tratterebbe – in vase a quanto riferito dai carabinieri – di esponenti del clan titolari di attività imprenditoriali.