Muccioli a vent’anni dalla scomparsa. San Patrignano ricorda il fondatore

Una serata, condotta da Pippo Baudo, per ricordare, Vincenzo Muccioli. Il fondatore della Comunità di recupero di San Patrignano, a venti anni dalla sua scomparsa, avvenuta il 19 settembre del 1995, sarà ricordato da amici e da tutti i membri della struttura da lui voluta e realizzata. Venerdì, nell’auditorium della megastruttura romagnola, l’intera San Patrignano sarà presente e dedicherà a Muccioli l’evento: ‘Una storia senza fine‘. Più di un’ora e mezza di racconti e ricordi di chi conobbe direttamente il fondatore e ne apprezzo l’intelligenza e la volontà di ferro. Nel corso della serata, in cui si ripercorrerà la trasformazione in realtà del sogno di Vincenzo Muccioli, si alterneranno artisti e amici e verrà inoltre presentata “Allora è vero che si può”, la nuova canzone-inno di San Patrignano, scritta, musicata e cantata da Stefano Bianchi assieme ai SanpaSingers, il coro della comunità. All’evento di venerdì, farà seguito il giorno dopo, nel pomeriggio, la tradizionale messa in ricordo di Vincenzo Muccioli, che sarà officiata da don Fiorenzo, parroco di San Patrignano. A entrambi i momenti parteciperanno oltre ai ragazzi della comunità, anche le tante persone che vi collaborano attraverso le associazioni presenti su tutto il territorio italiano e che sono tutt’ora la spina dorsale del sogno realizzato da Muccioli.