Massacrano di botte una prostituta a Roma: «Era sul marciapiede di un’altra»

Lesioni, rapina ed estorsione. Sono questi i reati dei quali dovranno rispondere un 60enne romano e una 29enne nigeriana arrestati dalla Polizia di Stato. Vittima una 26enne prostituta romena, soccorsa nella notte dagli agenti del Reparto Volanti, che sono poi riusciti a raggiungere e bloccare i due autori.

La prostituta trovata in stato di shock

Erano le 3 circa quando i poliziotti hanno notato un’auto ferma in via del Foro Italico, all’altezza dell’uscita su via Salaria e poco distante un uomo che cercava di richiamare la loro attenzione. Avvicinatisi per verificare l’accaduto, si sono trovati di fronte la prostituta che – ferita, scalza e in stato di shock – ha riferito loro di essere stata aggredita e rapinata, del denaro e dei documenti, da un uomo e una donna da lei conosciuti. Individuata poco distante l’auto con a bordo i due aggressori, una pattuglia li ha inseguiti e raggiunti. Identificati, i due sono stati accompagnati negli uffici di Polizia. La ricostruzione degli investigatori ha fatto emergere come, da diversi mesi, la giovane romena era vittima di minacce, violenze ed estorsioni, a causa del suo «occupare abusivamente» il posto in strada per prostituirsi. Nel tempo infatti, dopo essere stata oggetto di minacce di morte se non avesse lasciato libero il posto, aveva anche subito un tentativo di investimento, oltre che richieste di parte dei suoi guadagni.