Al grido di “buffone”, Marino contestato a Ostia da CasaPound

Il sindaco di Roma Ignazio Marino è stato contestato ad Ostia da una parte della cittadinanza dove spiccava un un gruppo di militanti di CasaPound. Il primo cittadino, non appena arrivato nella località di mare amministrata dal Comune di Roma, è stato accolto dal coro di proteste. «Buffone», «Sindaco di m…», «Vieni fuori» hanno urlato più volte i militanti di CasaPound mentre Marino scortato dalle forze dell’ordine entrava nel Teatro. Il primo cittadino della capitale è arrivato nel X Municipio per un’iniziativa culturale: l’esposizione di uno dei più grandi capolavori di Caravaggio, il San Giovanni Battista dei Musei capitolini che viene esposto presso il Teatro del Lido di Ostia. Il Caravaggio è l’ultima delle sei opere giunte dalla scorsa settimana a Ostia tra cui il Ritrovamento di Romolo e Remo di Peter Paul Rubens.

Abitanti di Ostia esasperati con Marino

L’iniziativa culturale non bilancia la latitanza del sindaco a Ostia, dove il degrado e l’incuria la fanno da padroni. Non basta ai cittadini l’esposizione di alcuni capolavori dell’arte per porre rimedio ai problemi quotidiani: dai problemi con la raccolta differenziata alle difficoltà per il traffico. Dall’emergenza immigrati alla criminalità dilagante. «È inammissibile – spiega Luca Marsella, responsabile di CasaPound Italia sul litorale romano – che Marino venga ad Ostia soltanto per fare inaugurazioni e ignori qualsiasi problema del territorio. È stato impedito ad i cittadini di entrare in un luogo pubblico e l’accesso è stato riservato solo agli invitati, agli esponenti del Pd ed ai giornalisti. Dopo aver gettato su Ostia una pesante etichetta di mafia con lo scioglimento del municipio questa sarà sempre l’accoglienza che riserveremo al sindaco». L’ultima pagliacciata, segnalata dai cittadini, la pulizia straordinaria delle strade di Ostia, effettuata solo lungo il percorso dove sono passate le vetture del sindaco e degli assessori, con tanto di scorta e autovetture della polizia. Una vera e propria presa in giro dei cittadini di Ostia. Da qui le proteste, alle quali hanno partecipato anche alcuni esponenti di CasaPound. Negli ultimi giorni i giovani del movimento politico di estrema destra avevano affisso alcuni volantini lungo le strade del lungomare con la faccia di Ignazio Marino: una sorta di Chi l’ha visto? per un primo cittadino che ha brillato solo per la sua latitanza.