Gianni Morandi nella tempesta: «Vuoi ospitare i migranti? Pensa agli italiani»

«Caro Piero, sto pensando di farlo. Un abbraccio». Gianni Morandi torna a parlare di immigrazione sul suo profilo facebook, dicendosi «molto colpito» e commosso dalla buona accoglienza offerta ai rifugiati arrivati a Monaco di Baviera in cerca di «un futuro migliore». Lo ha scritto rispondendo a uno dei fan che lo invitava a prepararsi: «Apri le porte di casa tua e prendine su un po’! », è stato l’invito prontamente raccolto da Gianni Morandi, che da tempo difende su facebook le ragioni dei migranti.

Contro Gianni Morandi la furia del popolo del web

Ma l’annuncio non è piaciuto al capogruppo della Lega Nord alla Regione Emilia-Romagna, Alan Fabbri, che gli ha indirizzato una nota ricordando di essere «su posizioni politiche diverse», pur apprezzando «chi, come te – scrive – porta avanti coerentemente le sue idee, con gesti concreti, non solo scagliando sentenze dai propri comodi salotti. Mi auguro – obietta però l’esponente leghista – che tu abbia spazio e pensieri concreti anche per i nostri anziani, disoccupati, disabili e giovani senza lavoro. Solo a Bondeno abbiamo 700 terremotati ancora fuori casa. So che hai fatto tanto, sono certo che tanto altro farai. La carità parte da casa».

Sulla pagina di Gianni Morandi arriva un fiume di commenti. I fan accaniti scrivono i soliti «bravo», «sei un mito». Molti però passano all’attacco. Una vera bufera. Leggiamo alcuni commenti. Mony scrive: «Come dice il tuo amico Piero portatili a casa tua …anche in Italia abbiamo famiglie che dormono sotto i ponti …quelli, caro Gianni, però non si aiutano …maledetto governo». Per Adelaide «non ha senso dire portateli a casa ma sparare cavolate e ammirare la Germania mi sembra troppo….troppo»

Silvia è critica con il cantante bolognese: «E se facessero del male a tua moglie e a tuo figlio? O a te? Sai che quando apri certe porte, corri anche questo rischio, orami è dimostrato… riusciresti a perdonartelo? Ci riusciresti a convivere? » Tiziana pone un’altra questione: «Gianni ci sono tanti italiani in mezzo alla strada con figli e senza lavoro! Da anni queste situazioni ! Potevi pensarci prima di ospitare qualcuno di questi , non ora per farti dire bravo! Chi fa del bene non ha bisogno di pubblicità, lo fa in silenzio» E Anna: «Anzitutto la Germania ospita rifugiati doc, controllati, selezionati, lavati e stirati, come da accordi assunti precedentemente con l’Italia e con altre nazioni della Ue. Profughi e clandestini all’ammasso non ne vogliono, quelli li lasciano a noi e si aspettano pure che provvediamo a selezionarli e rimandarli indietro… Quindi la loro cortesia e ospitalità è molto molto relativa».