È furba la Merkel: cambia la Costituzione per contrastare i clandestini

Furba la Merkel. Sull’immigrazione fa la buonista quando parla alla platea internazionale, dice che bisogna aiutare l’Italia perché è proprio dall’Italia che arrivano in Germania migliaia di profughi (e non si fida di Renzi), provoca con la sua azione la rivolta di Budapest e – a sorpresa, anticipando tutti – decide di modificare la Costituzione tedesca per far fronte al fenomeno dei clandestini. Il ministro dell’Interno Thomas De Maiziere sta, infatti, verificando la possibilità di una modifica della Costituzione tedesca per poter gestire l’emergenza immigrazione in Germania e velocizzare le procedure. Lo ha annunciato lo stesso De Maiziere affermando però che «anche l’Europa però deve cambiare» Nell’anticipazione di un’intervista concessa al settimanale tedesco Die Zeit, il ministro ha spiegato che la Germania intende agire «velocemente, nel giro di settimane».

Merkel e la posizione dell’Ue

«A chi attacca e critica Bruxelles» per ciò che vuole fare sull’immigrazione, «consiglio di andarsi a riguardare l’Agenda presentata a maggio. C’é scritto tutto. Siamo decisi ad andare avanti con coraggio e velocità», ha detto Margaritis Schinas, portavoce della Commissione Ue, riferendosi anche al meccanismo permanente di ricollocamento per situazioni di crisi. Il portavoce ha ricordato il commento del presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker al termine del vertice dei leader Ue di fine giugno in merito alle decisioni sulle politiche dell’immigrazione: “tempestive ma insufficienti”, disse. «Ora è arrivato il momento di completare il quadro – ha affermato Schinas – e siamo determinati a farlo», alludendo anche alla politica sui canali di immigrazione legale e al rafforzamento del ruolo di Frontex per velocizzare i rimpatri dei migranti economici.