Emilio Fede tradisce Berlusconi: «Sono diventato renziano a mia insaputa»

Silvio Berlusconi era e resterà un amico, assicura. Però, «sono diventato renziano a mia insaputa», è la clamorosa svolta di Emilio Fede, annunciata in un’intervista al “Fatto Quotidiano“. Il giornalista ormai in pensione è convinto che su Silvio Berlusconi stia ormai calando il sipario, e  io “voterò sicuramente Matteo Renzi” dice, facendo pubblicità al suo ultimo libro: “Se tornassi ad Arcore”.

Fede, Berlusconi e l’amico Putin

Nell’intervista Fede spiega di essere diventato “renziano a sua insaputa”, nel corso degli ultimi anni. «Se Berlusconi uscisse dalla scena politica, voterei sicuramente per lui, anche se Silvio è e resterà unico». Fede racconta di aver sentito l’ultima volta Berlusconi un paio di mesi fa, per telefono. «Una chiacchierata fra vecchi amici che non si sentivano da tempo. Alla fine della telefonata mi ha detto: “Adesso non sparire, telefonami”. Gli ho risposto: “No, ho già pagato abbastanza”». Il libro – aggiunge Fede – si intitola “Se tornassi ad Arcore” perché “se ci tornassi davvero farei aprire a Berlusconi gli occhi su tante cose”. Ce l’ha con la Pascale? «No. Diciamo che da Francesca mi sarei almeno aspettato una telefonata di solidarietàı. Di una cosa Fede si dice certo: «La sentenza mi risarcirà, vedrete». E ricorda a tutti di essere rimasto disoccupato e sena un euro in tasca…