Da Cortina Fitto riapre la stagione. Prove tecniche di centrodestra unito?

Dopo il Cavaliere  Cortina viene espugnata da Raffaele Fitto. Sarà l’ex forzista leader dei Conservatori e Riformisti a concludere, nella sala congressi Alexander Hall, la due giorni (sabato e domenica)  sul tema «La libertà che cerchiamo», promossa dall’ex consigliere regionale di Forza Italia Leonardo Padrin. Prove tecniche di centrodestra di nuovo unito?

Fitto chiama il centrodestra

Di sicuro sarà un’occasione di dialogo di tutto il centrodestra, esclusa la Lega, per mettere a punto una possibile piattaforma comune di opposizione al governo Renzi. Alla due giorni dott la regia di Fitto, parteciperanno, oltre al manipolo di ex azzurri confluiti a giugno nel gruppo Conservatori e riformisti, Fratelli d’Italia e il movimento Fare! di Tosi. «Partiamo dalla convinzione che l’unico oppositore di Matteo Renzi non possa essere la Lega Nord», è il filo rosso dell’iniziativa, perciò il Carroccio, «nostro alleato naturale ma non a tutti i costi», non è stato invitato alla due giorni, dove invece ci saranno «quelli con cui insieme potremmo valere un 10-12%» e cioè Forza Italia, Fratelli d’Italia e Fare!».

Il programma di Cortina

Il programma del convegno è particolarmente ricco d’incontri alla presenza di rappresentanti di altre forze politiche del centrodestra, in una dimensione di “ascolto”. La convention si apre sabato 19 settembre con il saluto del sindaco di Cortina, Andrea Franceschi, del capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio regionale Sergio Berlato e dell’europarlamentare di Forza Italia Elisabetta Gardini.  I riflettori sono puntati sull’intervento di Fitto (domenica a mezzogiorno) che illustrerà le linee guida del movimento e la strategia dei dieci senatori del gruppo Conservatori e Riformisti in vista del voto sul disegno di legge Boschi sulle riforme costituzionali. La ribalta cortinese consentirà anche a Flavio Tosi, sindaco di Verona e leader di Fare!, di illustrare le coordinate della sua azione politica a quattro mesi dalle elezioni Regionali.

Dall’Europa alle tasse

La scaletta dei lavori di sabato prevede quattro tavole rotonde: sul commercio internazionale e sul “modello Cameron” con l’eurodeputato britannico Geoffrey Van Orden, vicepresidente del gruppo dei Conservatori e Riformisti europei, sulla tassazione, «Uno choc fiscale per l’Italia, 40 miliardi di tasse in meno subito», coordinaa da Daniele Capezzone. Di «progetti per una nuova Italia» parlerà invece Cinzia Bonfrisco, presidente del gruppo di Fitto al Senato». Molto denso anche il programma dei lavori di domenica mattina. Si comincia con la tavola rotonda sul tema «Strategia economica e sociale per la dorsale adriatico-ionica: Europa-Regioni-Comuni», ospite tra gli altri il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro. A seguire gli interventi di Fabio Rampelli, capogruppo di Fratelli d’Italia a Montecitorio, e di Alessandro Cattaneo, membro dell’ufficio di presidenza di Forza Italia.