Barcaccia, un altro sfregio: i barbari del Feyenoord la fanno franca (video)

Roma beffata e offesa due volte. Distruggere la Barcaccia si può e i  barbari tifosi del  Feyenoord che il 19 febbraio scorso, prima del match della loro squadra contro i giallorossi, devastarono l’opera del Bernini a piazza di Spagna, la faranno franca. La notizia sconcetante è stata diffusa dai siti olandesi e poi subito rimbalzata qui da noi. È raccapricciante solo l’idea che possano passarla liscia i teppisti che presero a mazzate, a bottigliate, a calci e a sputi di birra acida e corrosiva quel monumento «Il tribunale olandese che procede contro gli ultrà ha escluso le imputazioni per danneggiamento della Barcaccia perché non esisterebbero le prove filmate di quel misfatto che possono incriminare persone specifiche.

Barcaccia, un’altra “coltellata”

Sarebbe bastato inviare da parte delle autorità italiane tutto il materiale disponibile per comprovare il misfatto. Le immagini esistono e furono messe a disposizione di tutti, giudici olandesi compresi, si legge dalle ricostruzioni. Siti, Fb. You Tube (video qui sotto) e telegiornali le immagini ce le hanno mostrate. Invece per i giudici la prova dei danneggiamenti era in gran parte basata sulle immagini delle telecamere fisse. E siccome queste non ci sono, i tifosi non possono essere identificati e perseguiti per legge. Questo lo scempio.

Nella speranza che l’Italia non rimanga ferma e passiva di fronte a questo insulto, il pm ha chiesto per il 21 novembre, data del dibattimento, la testimonianza dei poliziotti e del capo della polizia di Roma. Tra l’altro un 21enne olandese sospettato di tentato omicidio ha riferito di essere stato aggredito da un poliziotto e di essersi solo difeso e inoltre di aver visto ferire una donna e dei ragazzi. I 44 tifosi olandesi, tutti tra i 17 e i 44 anni di età, dovranno rispondere dell’accusa di aver aggredito poliziotti italiani e di «disturbo della quiete pubblica». Il processo vero e proprio si terrà a Rotterdam verso la fine di novembre e i primi di dicembre. Da ricordare che al termine degli scontri a Piazza di Spagna rimasero feriti 16 agenti italiani.