51 furti nelle case, gioielli fusi nei “Compro oro”: presi ladri e ricettatori

Era specializzata nei furti in abitazione e la sua area operativa era essenzialmente in tutto il nord Italia. Sono stati i carabinieri di Verbania a smantellare la banda che aveva la propria base operativa a Milano responsabile di almeno 51 furti all’interno di ville e appartamenti. Undici gli arresti eseguiti all’alba tra Piemonte e Lombardia dai militari dell’Arma che hanno anche sequestrato gioielli e oro per un valore di un milione di euro, un tesoro che era il provento di 51 furti in abitazioni messi a segno nel 2014.
L’indagine dei carabinieri di Verbania che ha portato a smantellare la banda di ladri e di ricettatori operante in tutto il nord Italia – tutti accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla ricettazione e ai furti in abitazione – è scattata in seguito al furto in una abitazione di Cannobio, nel dicembre 2013.
I militari dell’Arma sono riusciti a identificare i malviventi che mettevano a segno i furti e a risalire all’identità dei ricettatori attraverso un’indagine molto complessa.
Oro e gioielli, la maggior parte della refurtiva, venivano fusi e poi venduti attraverso Compraoro compiacenti che si prestavano alle esigenze della banda per far sparire il materiale rubato.
Gli undici finiti in manette – due albanesi, un egiziano e otto italiani – si aggiungono ai nove albanesi già arrestati in flagranza, nel corso delle indagini.
Alla banda, che aveva la sua base operativa a Milano, vengono contestati oltre cinquanta furti in abitazione oltre che nella provincia di Verbania e a Milano, anche a Reggio Emilia, Modena, Cremona, Verona, Parma, Piacenza, Brescia, Vercelli, Monza, Novara, Lecco, Como, Varese e Padova.