Verona, blitz di Tosi al campo nomadi: staccati gli allacci abusivi

Linea dura del Comune di Verona contro gli allacciamenti elettrici abusivi nei campi nomadi. Il sindaco Flavio Tosi, all’alba di lunedì, ha guidato un blitz di agenti della municipale, con la polizia di Stato, al campo nomadi di Forte Azzano. Qui era stata accertata una sola utenza elettrica contrattualizzata a fronte di una comunità di circa 70 sinti. “Una possibilità – ha spiegato Tosi – è di fare denuncia, aprire un fascicolo, aspettare che venga attribuito a qualcuno e che si facciano le indagini. Praticamente zero soluzioni. Oppure è fare i distacchi, come abbiamo proceduto, a fronte di ripetuti e prolungati furti di corrente”.

Tosi: nel campo solo un’utenza regolare

Così gli agenti hanno accompagnato i tecnici di Agsm (la multiutility comunale che eroga l’energia elettrica) e hanno provveduto al distacco di tutti gli allacciamenti abusivi. Si tratta di almeno otto collegamenti che consentivano di usufruire dell’energia elettrica senza il pagamento di alcuna bolletta. “In questo campo nomadi – ha sottolineato Tosi – c’era un unico allacciamento regolare con un contratto intestato a una donna single. Adesso approfondiremo gli accertamenti anche per verificare la presenza di persone con condanne penali”. Il regolamento comunale per i campi nomadi, infatti, prevede l’allontanamento di persone con condanne anche in primo grado per tutta una serie di reati. “Però abbiamo accertato che in quel campo ci sono persone che stanno scontando gli arresti domiciliari, un provvedimento cautelare disposto dal giudice e per questo ovviamente non possono essere allontanate”, ha concluso Tosi.