Tutti pazzi per Recanati: boom di turisti attirati dalla casa di Leopardi

È l’effetto Leopardi: la riscoperta del poeta de L’Infinito, dovuta al successo del film di Mario Martone Il Giovane favoloso, ha provocato quest’estate un afflusso record di turisti a Recanati che registra il ”tutto esaurito”. Martedì erano migliaia i turisti che affollavano la cittadina, in particolare la zona di Casa Leopardi, tanto che la polizia locale ha dovuto chiudere al traffico automobilistico alcune vie. ”E la gente – dice il sindaco Francesco Fiordomo – non arriva solo nelle giornate di pioggia” ma anche con il bel tempo. Cresce la voglia di visitare palazzo Leopardi, dove il giovanissimo Giacomo si dedicava allo “studio matto e disperatissimo” nella grande biblioteca allestita da papà Monaldo. E c’è tanta curiosità di vedere la finestra dalla quale Giacomo ammirava la figlia del fattore, secondo quanto descritto nelle rime del celebre canto leopardiano. La cosiddetta “casa di Silvia”, che sorge nella piazzola antistante il palazzo oggi denominata del “Sabato del villaggio”, è una lunga costruzione che in parte era adibita a scuderia, in parte era abitata dalla famiglia di Teresa Fattorini la ragazza morta giovanissima che è la protagonista di “A Silvia”. Altro luogo leopardiano che attira i turisti è il colle dell’Infinito, celebrato nell’idillio omonimo, meta delle passeggiate di Giacomo che vi accedeva direttamente dal giardino di casa, passando attraverso l’orto del convento di Santo Stefano.