Notte di stupri a Rimini: ricercato un uomo di colore, preso un marocchino

Ragazzo di colore, alto, con le treccine. È l’identikit dell’uomo ricercato dalla polizia perché ritenuto responsabile di uno stupro avvenuto ieri all’alba sulla spiaggia di Rimini. La vittima è una milanese 20enne in vacanza con amici. L’episodio è sulla stampa locale. Alle 5, dopo una serata di festa, era andata a cercare la comitiva in spiaggia perché voleva rientrare in hotel e non aveva i soldi per il taxi. Ha trovato il ragazzo che si è mostrato prima gentile, ma poi l’ha aggredita. Il ragazzo ha trascinato la sua vittima tra le cabine, al bagno 110, e lì l’ha aggredita. Solo quando sono arrivati dei passanti, attirati dalle grida della giovane, l’uomo è fuggito facendo perdere le sue tracce. La turista è stata portata in ospedale dove gli esami eseguiti hanno confermato la violenza.

Rimini, un tentato stupro poche ore prima

Sempre nella notte tra Ferragosto e domenica si è verificato un altro episodio simile, sulla battigia all’altezza del bagno 63 di Rimini dove si stava svolgendo una festa, ma l’aggressore in questo caso era stato arrestato prima che la violenza fosse compiuta. Una 24enne riminese, giunta in riva al mare intorno all’1.30, era stata afferrata per le spalle da un uomo che poi l’aveva buttata a terra e aveva cercato di tenerla bloccata per i polsi. La ragazza era riuscita a divincolarsi e scappare per chiedere aiuto. Sul posto era intervenuta una volante della polizia che, in base agli elementi forniti dalla 24enne, è riuscita a rintracciare e fermare il responsabile in quanto si trovava ancora in zona. La giovane l’ha riconosciuto ed è pertanto scattato l’arresto. La convalida è fissata per domani mattina. Scappando, la ragazza aveva abbandonato la borsa sulla battigia ma quando è tornata per cercarla non c’era più, le era stata rubata.