Riecco Della Vedova, l’ex di quasi tutti i partiti: «Renzi, ti salverò dai mostri»

Non si sa bene quanti italiani lo voterebbero. Molti scommettono che sarebbero due o tre. Qualcuno azzarda: «No, quattro voti li prende». Eppure Benedetto Della Vedova è sempre lì, parla a nome del suo fantasmagorico elettorato e lo invita a sostenere Matteo Renzi. Solo con Renzi, infatti, si ha l’euro che più euro non si può, e chissenefrega se la gente non ha più un soldo in tasca. Solo con Renzi la modifica sostanziale dell’articolo 18, e chissenefrega se ka gente vede un posto di lavoro solo con il binocolo. Solo con Renzi si può sperare nella liberalizzazione della droga, e chissenefrega di quel che accade in discoteca. L’imporante, dice Della Vedova, è combattere ora Salvini e ora Grillo, come bisognava combattere il Cavaliere. Sì, perché lui, l’ex di tutto, ha fatto così. Da pannelliano è diventato berlusconiano. Da berlusconiano è diventato finiano. Da finiano si è tuffato nelle braccia di Monti. E ora, da ex montiano, giura fedeltà eterna a Renzi.

 Della Vedova pronto a salvare Renzi dai mostri

Nel corso di Filo Diretto a Radio Radicale la dichiarazione d’amore per Renzi: «Anche: molti che per storia o convinzioni non sono entrati o non si sentono del Pd, neppure dopo le svolte impresse dal nuovo segretario, vogliono comunque sostenere, incalzandolo, il governo nelle riforme; e, sic stantibus rebus, in una prossima sfida elettorale sosterrebbero Renzi contrapposto a Grillo e Salvini. Per questo – ha detto Della Vedova – credo si debba organizzare la rappresentanza dei riformatori, dei liberali e dei libertari che vogliono opporsi ai nemici della società aperta e sono pronti a lavorare per le riforme istituzionali, economiche e civili nel segno dell’Europa».