«Mao figlio di puttana»: un video mette nei guai il presentatore della tv cinese

Uno dei più noti presentatori televisivi cinesi, Bi Fujian, verrà “severamente punito” per aver sfottuto Mao Zedong, il fondatore della Repubblica popolare cinese. Lo afferma il Quotidiano del Popolo, secondo il quale “funzionari” dello Stato hanno “ordinato” alla China Central Television (Cctv) di punire il presentatore colpevole di “serie violazioni della disciplina politica”.

 Mao “figlio di puttana”

Le considerazioni offensive su Mao sono state fatte da Bi Fujian in un video diffuso su internet e probabilmente girato nel corso di una festa privata. Bi, conosciuto soprattutto per il suo programma Star Boulevard, avrebbe tra l’altro definito “figlio di p…” il fondatore della Repubblica. I commenti degli utenti del web sono divisi e molti si erano dichiarati d’accordo criticando Mao. Il giudizio ufficiale rimane quello espresso dall’iniziatore delle riforme Deng Xiaoping secondo il quale – secondo appunto la propaganda comunista – il “regno” di Mao fu “positivo al 70% e negativo al 30%”. Mao è riconosciuto come il leader che ha unificato la Cina dopo l’occupazione giapponese, ma è criticato per i suoi eccessi come la Rivoluzione culturale.

 Il presentatore tv era già stato sospeso

Il presentatore tv era già stato sospeso per alcuni giorni ed era stata annunciata un’inchiesta perché le sue parole erano state considerate di forte impatto sociale. Sotto accusa il video Nel video, Bi, seduto a tavola in un ristorante insieme ad altre persone, canta una parodia di The Taking of Tiger Mountain, una canzone molto famosa tratta dall’opera rivoluzionaria Taking Tiger Mountain by Strategy, una delle più conosciute. Nella parodia, Bi afferma che sotto Mao si è sofferto molto