L’ultima stecca di Elton John: «Sì ai libri gender per bimbi, Brugnaro è sciocco»

Elton John lo ha definito “un bigotto” ed “estremamente sciocco” ma Luigi Brugnaro, al centro di polemiche per i il ritiro dei libri “gender dalle biblioteche delle scuole pubbliche (voluti dalla precedente amministrazione) e vittima di in equivoco per aver pubblicato sul proprio profilo Twitter la foto del manifesto di Mika imbrattato con una frase omofoba. «Nessuna provocazione, bensì piena solidarietà. #noall’omofobia» aveva poi spiegato il sindaco in un tweet, che  in un altro precedente sottolineava però che “il genere umano ha una precisa connotazione e si nasce tutti da una mamma e da un papà! Amen!”. Risultato, anche Elton John s’è sentito in dovere di attaccarlo sul tema dei libri gender ritirati dalle scuole, dove si parlava di famiglie con genitori dello stesso sesso.

Le accuse di Elton John 

«La meravigliosa Venezia – scrive la pop star – senza dubbio sta affondando, ma non tanto rapidamente come il villanamente bigotto Brugnaro. Invece di incoraggiare un mondo basato sull’inclusione, tolleranza e amore, sta promuovendo una società futura che crea divisione e favorisce l’ignoranza», conclude la pop star, difensore dei diritti gay e padre di due figli col marito David Furnish. Ma a che titolo parla di Venezia un londinese che vive in ville di lusso e alleva bambini senza mamme in residence dorati?