Iraq, sfida degli esuli cristiani all’Isis: la N del Nazareno dipinta sulle tende

Una “N” dell’alfabeto arabo sulle tende. N come “Nazareno”. Quel segno che assomiglia a uno smile usato dagli estremisti islamici per segnalare le case degli “infedeli” ora è diventato simbolo di orgoglio, di appartenenza degli stessi cristiani.
E quella N ora la disegnano i rifugiati, i cristiani cacciati dalle zone dell’Iraq dove il sedicente Stato islamico ha preso il sopravvento per rivendicare la propria orgogliosa appartenenza.
Lo racconta don Georges Jahola, sacerdote siro-cattolico della diocesi di Mosul, in questi giorni in Italia, invitato dall’associazione “Angelo custode”.
Nei campi profughi di Erbil – continua, secondo quanto riporta l’Osservatore Romano – «dove molti cristiani sono stati costretti a rifugiarsi in fuga da Mosul e Qaraqosh, nessuno ha avuto paura di scrivere nelle tende che li ospitano frasi come “Gesù è luce nel mondo”, o la lettera “N” in caratteri arabi che significa Nazareno. Non hanno paura di essere scoperti, sono coraggiosi e fieri».
Degli oltre un milione e mezzo di cristiani che l’Iraq contava negli anni ’80, oggi ne sono rimasti 350 mila. Ora, racconta don Jahola, «siamo l’1,5 per cento della popolazione. Una popolazione che sta per essere eliminata o costretta ad abbandonare la propria terra»».
Nessuno bada a questo dramma, «perché i cristiani in Iraq non hanno appoggi», «non sono considerati elementi essenziali nella società». Nonostante il pericolo della scomparsa i cristiani non hanno nessuna intenzione di abbandonare la loro fede: «Non c’è motivo per cui un cristiano debba diventare musulmano. Non lo vogliono fare».