Interventi chirurgici con la luce dei cellulari. Accade nella “rossa” Puglia

Nella Puglia, che la sinistra governa da anni, le operazioni in ospedale vengono fatte addirittura con la luce dei telefonini cellulari. È successo all’ospedale Santa Caterina Novella di Galatina (Lecce). La lampada scialitica, utilizzata negli interventi chirurgici in quanto evita la formazione di ombre, è fuori uso da circa quattro anni: per questa ragione i chirurghi di una delle tre sale operatorie sono costretti a utilizzare la luce del cellulare. La notizia è riportata sul Corriere del Mezzogiorno. Il tutto viene documentato con una foto scattata durante un’operazione.

Puglia, nella sala operatoria compiuti centinaia di interventi

È polemica in Puglia. In quella sala in questi quattro anni sono stati compiuti centinaia di interventi. Più volte i medici hanno segnalato la situazione alla direzione medica «ma la lampada scialitica – si legge sul giornale – non è mai stata riparata né sostituita». Sono state fatte e si continuano a fare operazioni anche complesse di chirurgia generale, ortopedia, urologia, ginecologia, otorinolaringoiatria. Peraltro, non si sa se i pazienti finiti sotto i ferri siano stati informati preventivamente del fatto che la lampada fissa che serve ai chirurghi per operare nelle migliori condizioni possibili era guasta e che gli interventi si sarebbero svolti con l’illuminazione, di “emergenza”. Doveva essere una soluzione tampone. Questo si pensò subito dopo il guasto della lampada principale. Ma la situazione si è protratta per anni.