Fiuggi, stupro al centro di accoglienza. Arrestati tre egiziani minorenni

Danneggiano un centro di accoglienza e violentano un’operatrice della struttura. Uno di loro tenta pure di strangolare il responsabile della struttura, che si è visto inoltre danneggiare la sua macchina. Tutto in poche ore. Teatro dell’inaudita violenza una casa famiglia a Fiuggi, in provincia di Frosinone,  protagonisti dell’escalation di terrore tre giovani egiziani minorenni, arrivati clandestinamente in Italia, uno dei quali ha abusato sessualmente di un’operatrice.

Arrestati tre egiziani

Tutto è iniziato giovedì sera quando i tre ragazzi, per motivi ancora ignoti, hanno cominciato a danneggiare gli arredi della struttura, aggredendo anche alcuni operatori del centro che accoglie extracomunitari minorenni. È stata la miccia che ha generato 24 ore di follia ancora oggetto di una ricostruzione ufficiale delle forze dell’ordine. L’episodio ha causato conseguenze a uno dei tre giovani africani e a un addetto della struttura, costretti a ricorrere alle cure mediche all’ospedale di Alatri. Lo stesso minorenne ferito, tornando in macchina a Fiuggi, ha preso una stampella e ha tentato di strangolare il responsabile della struttura d’accoglienza. Di notte i tre si sono poi sfogati contro la vettura dello stesso amministratore, causando diversi danni. Alla fine sono stati tutti denunciati dagli agenti della polizia per lesioni dolose e danneggiamento, mentre il minorenne che ha tentato di strangolare l’amministratore del centro deve rispondere inoltre di tentato omicidio. L’escalation di violenza ha avuto l’epilogo più drammatico quando nello stessa struttura una operatrice è stata violentata. I protagonisti sarebbero gli stessi minorenni egiziani; due hanno 17 anni e uno 16. I carabinieri di Fiuggi li hanno individuati e arrestati per violenza sessuale. Ora si trovano in un centro di prima accoglienza a Roma.