Expo, un altro mezzo flop di Renzi: tanti italiani ma pochissimi stranieri

Tanti italiani, pochissimi stranieri: non proprio un successone per un evento che si chiama Expo e che doveva far diventare l’Italia, e Milano, l’epicentro del nondo. Nel giorno di chiusura dell’Expo, saranno stati circa 16 milioni gli italiani ad averla visitata. Emerge da un’ indagine realizzata da Federalberghi. «Un dato sicuramente lusinghiero – commenta il presidente degli albergatori italiani Bernabò Bocca – che ha contribuito a rimettere in moto l’economia turistica dell’intero Paese». Ma c’è l’altra faccia della medaglia che mostra un aspetto assai meno lusinghiero per chi contava di fare di Expo un palcoscenico sul resto del mondo: “Expo è stato successo per il mercato italiano ma non sufficientemente forte all’estero”, dice ancora Federalberghi. «Purtroppo – dice il presidente degli albergatori Bernabò Bocca – dai nostri terminali in Lombardia e dintorni non risultano essere approdati quei flussi dall’estero che invece sulla carta erano stati ipotizzati».

Intanto Expo ha ufficializzato gli ingressi dell’ultima settimana dal 17 al 23 agosto: il picco il 20 agosto, con 153.249, per complessivi 856.002 ingressi. Questi nel dettaglio i numeri: 17 agosto, 112.828; 18 agosto: 114.627; 19 agosto, 130.152; 21 agosto: 134.386; 22 agosto: 124.872; 23 agosto: 85.888. “I dati degli accessi – precisa Expo – includono gli accrediti (personale di servizio ed ospiti giornalieri) per un ammontare valutato intorno alle 8.000 unità al giorno in queste settimane”.