Caos Fiumicino, Enac a Vueling: basta disagi o niente più voli in Italia

Ancora caos Vueling a Fiumicino. La compagnia low cost spagnola continua a brillare per disservizi e ha cancellato altri tre voli dopo aver  lasciato a terra nella giornata di venerdì circa 900 passeggeri. Di fronte alle lungaggini per le operazioni ai check.in della Vueling, Enac è sceso in campo con un perentorio aut aut. In una nota l’Ente nazionale per l’aviazione civile diffida Vueling a intervenire per risolvere i disservizi all’aeroporto di Fiumicino «pena la sospensione delle autorizzazioni a volare in Italia» e sollecita la compagnia «a garantire ai passeggeri l’assistenza e ripristinare prontamente le condizioni di operatività».

Vueling nel mirino

Contemporaneamente Enac ha chiesto alla società Aeroporti di Roma di intervenire a supporto logistico operativo della compagnia per cercare di risolvere al più presto i disservizi, fino alla completa normalizzazione della situazione. L’ente fa esplicito riferimento ai disservizi che si stanno verificando all’Aeroporto di Roma Fiumicino a causa di alcune improvvise cancellazioni della compagnia Vueling. I voli della compagnia riguardano le tratte Roma-Mikonos, Roma-Praga e Roma-Rennes. I passeggeri dei primi due collegamenti lo hanno appreso quando già si trovavano in aeroporto per le operazioni di check-in ed erano ormai prossimi all’imbarco. Inevitabile una lunga fila al banco d’informazione della low cost al terminal 3 dove i passeggeri, rammaricati e sorpresi, sono assistiti anche dal personale di Aeroporti di Roma.

Delrio: chi ha sbagliato, paghi

«Dobbiamo evitare che i passeggeri diventino pazzi», il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, in un’intervista a Repubblica, è  intervenuto sul caos di Fiumicino, sottolineando la necessità di individuare i punti di fragilità cronica del sistema. «Mi chiedo: le compagnie aeree hanno davvero rispettato il passeggero, come sono obbligate a fare dalle norme europee? Hanno offerto assistenza, informazioni e rimborsi a coloro che sono stati lasciati a terra? A me non sembra proprio – ha detto il ministro – ho visto passeggeri abbandonati come bestie, e questa è una cosa che non doveva accadere. La Vueling, per esempio, ha cancellato i voli e non ha assistito i passeggeri. Basta sparare nel mucchio. Ognuno risponde delle sue colpe».