Zaia sfida Renzi: «Attento Matteo, è nato il fronte del Nord»

Zaia sfida Renzi : «Caro Matteo, ora sei avvisato: Veneto-Liguria e Lombardia hanno costituito il fronte del Nord».Il  governatore del Veneto lancia questo “avvertimento” al presidente del Consiglio attraverso una intervista pubblicata dal Gazzettino. Al fronte caldo immigrazione si è aggiunto la sanità, dopo l’intesa sui tagli nella Conferenza Stato-Regioni: «L’ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso», attacca Zaia, una scelta «candalosa» che si abbatte su «chi cerca di far quadrare i conti della Sanità, mantenendo un elevato standard di qualità».

Zaia: «Tagli inaccettabili alla sanità»

Zaia è furente.«Come si può accettare un taglio totale da due miliardi e 350 milioni? È inaccettabile che a Roma, come al solito, si cambiano le regole in corsa», afferma il governatore evidenziando che «qualche mese fa, prima delle elezioni regionali, tutti i governatori hanno negoziato, sempre con questo governo, i termini del Fondo Nazionale Sanitario. E adesso arriva la sorpresa» «Se si va avanti così – aggiunge – l’unico futuro della sanità sarà rappresentato dai privati. Spero, però, che si ridiscuta il patto per la salute e si introducano i costi standard. Se il governo vuole scovare inefficienze, sa dove sono quelli che sprecano». Quindi l’avvertimento: «Ora il governo è consapevole che si è concretizzato un asse del Nord che non farà sconti. Soprattutto ad una maggioranza che governa l’Italia dal 2011» e «tia sicuro il premier: Veneto, Lombardia e Liguria diventeranno un problema per il governo».