Washington, sparatoria alla sede della Marina. Ma era un falso allarme

A Washington è cessato dopo un paio d’ore da quando era stato lanciato l’allarme per una presunta sparatoria nei pressi del Navy Yard, la sede amministrativa della Marina. Nonostante il massiccio dispiegamento di forze dell’ordine, sul posto non è stato trovato nulla a conferma della segnalazione che aveva fatto scattare le misure di sicurezza.

Il falso allarme

L’allerta era stato lanciato nella mattinata, dopo che qualcuno aveva segnalato la presenza di un uomo armato e l’esplosione di alcuni colpi. Le verifiche sul campo, però, non hanno dato alcun riscontro e non si è trovato nessuno che avesse effettivamente udito gli spari. La zona però era stata immediatamente isolata e le strade erano state chiuse, anche se da subito non risultavano esserci vittime o feriti.

Allerta massima

La stessa Fbi non ha mai confermato né avallato l’esistenza dell’uomo armato e della sparatoria. Ma era inevitabile che la macchina della sicurezza si mettesse in moto a pieno ritmo. Il Navy Yard due anni fa fu teatro di una sparatoria in cui morirono 13 persone. Inoltre, oltre a essere un obiettivo sensibile di per sé, la sede della Marina si trova anche meno di un chilometro e mezzo da Capitol Hill, sede del Congresso americano. Infine, il falso allarme è arrivato in giorni in cui i livelli di allerta ai massimi livelli: negli Usa è forte il timore di possibili attentati in vista della festa dell’indipendenza, che si celebra il 4 luglio.