Verona e la Bocconi davanti a tutte: ecco la classifica delle Università

La classifica delle università: vincono Verona e la Bocconi mentre la Bocconi di Milano vince tra le non statali nelle “classifiche della qualità” ogni anno.

Chi è in cerca di un corso di laurea ad alto tasso di esperienze lavorative, sotto forma di stage e tirocini, può guardare prima di tutto a Brescia, all’università del Piemonte orientale o a Verona; chi punta invece sulla dimensione intemazionale, e vuole quindi un ateneo attento alla possibilità di fare all’estero un pezzo di strada accademica, farà bene a rivolgere l’attenzione allo Iuav di Venezia o a Trento, mentre chi pensa già al dopo ed è alla caccia di un contesto caratterizzato da dottorati di alto livello e da una produzione scientifica competitiva non dovrebbe trascurare Padova, il Politecnico di Torino e soprattutto Verona.

Vincono Verona e la Bocconi: ecco la classifica delle Università

Le nuove elaborazioni del Sole 24 Ore sulla qualità degli atenei statali e non statali, raccontano di un vero e proprio un balzo in avanti dell’Università di Verona fra gli atenei statali, e della Bocconi fra i non statali, caratterizza la nuova edizione delle “classifiche della qualità” universitaria che Il Sole 24 Ore realizza ogni anno grazie alle informazioni messe a disposizione dalle banche dati di ministero dell’Università e Anvur.

Sul podio Trento, Politecnico di Milano, Luiss e San Raffaele

Dati che, nonostante gli aggiornamenti generalizzati, mostrano una certa stabilità nelle performance dei singoli atenei, e sembrano indicare una polarizzazione crescente fra le università che riescono a garantire risultati di eccellenza e quelle che invece faticano, sia per problemi propri sia per le caratteristiche del contesto incui operano.

L’università di Verona conquista il primo posto tra le università statali

E’ bene sottolineare da subito, però, che se le graduatorie generali sintetizzano la condizione complessiva degli atenei, sono i singoli indicatori a mostrare con puntualità i risultati ottenuti dalle strutture nei diversi campi, compreso il giudizio degli studenti che invece fatica a entrare nei modelli ufficiali per l’attribuzione dei finanziamenti «meritocratici». Ognuno, insomma, può effettuare una valutazione “personalizzata”, guardando ciò che più gli interessa di ogni università: proprio per questo, all’interno dello speciale dedicato alle classifiche sul sito internet del nostro giornale (www.ilsole24ore.com/classificheuniversita) è possibile attribuire pesi diversi a ciascun indicatore, cosi da costruire una graduatoria personalizzata.