Roma, un altro suicidio: si impicca il romeno che uccise il truccatore dei vip

Un altro detenuto è stato trovato impiccato ieri sera nel carcere romano di Regina Coeli, dopo il presunto killer del gioielliere ucciso nel quartiere romano di Prati. Si tratta di un romeno di 18 anni arrestato a fine aprile dai carabinieri del Nucleo investigativo di via In Selci, insieme a un connazionale, con l’accusa di aver ucciso nella Pineta Sacchetti il truccatore dei vip Mario Pegoretti, massacrato di botte per 50 euro e un orologio del valore di appena 150 euro. L’allarme è scattato intorno alle 21. All’arrivo dell’ambulanza del 118 per il giovane non c’era più nulla da fare. Secondo quanto si è appreso, era in isolamento nella settima sezione, la stessa in cui era detenuto il presunto killer del gioielliere, e le modalità del suicidio sarebbe del tutto simili a quelle di Ludovico Caiazza. La morte dello straniero è la seconda in 24 ore nel carcere romano dopo quella di Caiazza, il presunto omicida del gioielliere Giancarlo Nocchia.

Il secondo suicidio

Il pregiudicato 32enne di origini napoletane era stato trovato, infatti, impiccato con un lenzuolo nella tarda serata di ieri dagli agenti della polizia penitenziaria durante un controllo dei detenuti del reparto grande sorveglianza. Inutili i soccorsi anche per Caiazza, che era stato fermato sabato dai carabinieri su un treno all’altezza di Latina, dopo quattro giorni di ricerche. Il presunto assassino dell’orafo 70enne aveva precedenti per rapina, reati legati alla droga e anche un’accusa di violenza sessuale dalla quale fu assolto. Nelle ore di detenzione nel carcere romano Caiazza, a chi lo aveva visto come lo psicologo, era apparso “agitato e preoccupato”. “Non volevo ucciderlo, non pensavo che quella coltellata avesse potuto ammazzarlo”, avrebbe ripetuto disperato.