Sul nuovo sito della Guardia Costiera tutte le news su “Mare sicuro”

La Guardia Costiera rinnova il sito internet in occasione del 150esimo anniversario della fondazione del Corpo. Raggiungibile all’indirizzo www.guardiacostiera.it, il portale è stato completamente rinnovato sia nell’aspetto grafico sia nei contenuti, elevando la qualità dei servizi offerti al cittadino puntando sull’educazione alla legalità e alla sicurezza in mare e sulle spiagge. Da oggi dunque i diportisti, i pescatori, il personale marittimo, gli operatori del settore e tutti gli appassionati del mare e della navigazione possono accedere al nuovo sito. Nella parta alta dell’home page c’è uno slideshow dove scorrono sempre aggiornate le principali notizie riguardanti le attività del Corpo, mentre al centro si trovano le rubriche di approfondimento dal Comando generale e dai comandi territoriali, in modo da consentire agli utenti di essere sempre aggiornati sulle più importanti attività del Corpo. Ci sono poi sezioni dedicate a videogallery e fotogallery, che raccontano attraverso le immagini le funzioni e i compiti istituzionali delle Capitanerie di porto. Infine i “mini siti” degli uffici marittimi, che i cittadini possono consultare anche dal portale principale per essere aggiornati in tempo reale su ordinanze, avvisi, esami, modulistica e bandi di gara.

Mare sicuro: la campagna della Guardia Costiera

Proprio in questi giorni è partita la campagna “Mare sicuro” della Guardia Costiera, che prevede l’impiego fino alla fine della stagione di circa tremila uomini e oltre 300 mezzi navali schierati lungo tutti gli ottomila chilometri di coste. Mare sicuro è stata istituita nel 1991 e l’estate scorsa ha visto i mezzi delle Capitanerie soccorrere 828 imbarcazioni e 3.444 persone. Sono stati invece 44.228 i controlli effettuati per verificare che le imbarcazioni avessero le dotazioni di sicurezza e fossero in regola con il codice della navigazione. Per quanto riguarda l’attività di prevenzione in mare e sulle
spiagge, la Guardia Costiera ha effettuato nel 2014 141.191 ispezioni e controlli sul demanio, che hanno portato a 400 sequestri e 1.234 denunce.