*** flash – Effetto-Grecia, apertura in rosso per tutte le Borse europee

Il no al referendum greco sull’accordo con i creditori internazionali come previsto non è piaciuto ai mercati e alle Borse, che aprono tutte al ribasso, in Europa e in Asia: a Milano avvio in deciso calo con l’indice Ftse Mib cede il 2,9% a 21.867 punti. Colpite le banche su cui si concentrano gli ordini in vendita. Unicredit cede il 3,9% e Intesa Sanpaolo il 3,5 per cento. Sospesa, dopo pochi secondi di contrattazione, Yoox (calo teorico -1,86%). Apertura in negativo anche per la Borsa di Francoforte. L’indice Dax segna un -1,87% a 10.851 punti, anche Lodra perde un punto in avvio.  Il referendum in Grecia, con il secco “no” al piano di austerity per gli ulteriori aiuti, colpisce la Borsa di Tokyo che accelera le perdite nella seconda parte della seduta fino a terminare gli scambi a -2,08%, risollevandosi dal minimo intraday di poco superiore al 2,5%. L’indice Nikkei, avvicinatosi a quota 20.000, cede 427,67 punti, a 20.112,12.