Bollino rosso sul litorale romano: due decessi e decine di interventi del 118

Bagnanti in gravi difficoltà e interventi a ripetizione degli operatori sanitari sul litorale romano. Testimonianza di una domenica difficile. E alla fine si sono contati purtroppo anche due morti. Sono state infatti nell’ordine delle decine i salvataggi in mare ieri, sulla costa del litorale romano, nei confronti di bagnanti e surfisti in difficoltà, alle prese con onde forza 3. Una giornata da ‘bollino rosso’, che ha visto purtroppo anche due decessi: uno avvenuto nella mattinata a Santa Marinella, l’altro nel pomeriggio a Fregene.  A Focene, invece, la tragedia è stata solo sfiorata: un terzo bagnante è stato infatti soccorso e tratto in salvo grazie al tempestivo arrivo sul luogo dell’incidente dell’eliambulanza del 118. Ma sono tanti, tantissimi gli interventi di salvataggio, da parte soprattutto dei bagnini del litorale, che hanno vissuto ore di grande impegno, sin dalla mattina, e che hanno a più riprese invitato i bagnanti a non entrare in acqua nei momenti in cui maggiore era il pericolo per l’intensificarsi delle folate di vento. Diversi soccorsi, tempestivi, in pattino, sono stati effettuati sulla linea di costa tra Focene, Fregene e Maccarese. E a questi devono aggiungersi gli interventi delle motovedette della Capitaneria di Porto che non hanno mai smesso di pattugliare le zone più a rischio. L’orario più critico, tra le 16 e 18 – si è appreso – quando c’è stata una vera e propria escalation di interventi: diversi bagnanti e surfisti si sono trovati alle prese con un vento girato improvvisamente da scirocco a maestrale. Lungo tutto il litorale romano l’allerta è perciò massima. Così come lo sono gli inviti alla massima attenzione per quanti si rechino al mare in cerca di relax e refrigerio. Per evitare che una giornata di divertimento  e allegria si possa tramutare in una tragedia devastante.