Arrivano 30 migranti in un Comune di 350 abitanti: si dimette il Consiglio

Un intero Consiglio comunale si è dimesso, travolto dall’emergenza migranti. È accaduto nel piccolo comune montano di Bajardo, nell’imperiese, 350 abitanti. Qui da giorni sono ospitati, in una ex caserma del Corpo forestale, 30 migranti tra i 18 e i 25 anni, il 20% della popolazione. I residenti non hanno accettato la presenza dei profughi, decisa dalla prefettura, e ieri sera hanno partecipato al Consiglio comunale, insieme ad alcuni turisti. Maggioranza e opposizione sono stati pesantemente contestati: da qui le dimissioni. «Non dipende da me – ha detto il sindaco Jose Littardi – sono decisioni della prefettura. Trenta migranti rappresentano il 30% della popolazione residenti e non abbiamo vigili urbani o carabinieri per controllarli. La polizia sale una volta al giorno. Davanti a questa situazione ci siano dimessi, perchè possiamo accoglierne solo alcuni, l’edificio dove sono ospitati è di appena 150 metri quadrati». Il sindaco incontrerà lunedì il prefetto per trovare una soluzione, ed ha 20 giorni di tempo per ritirare le dimissioni.