Spara alla compagna e poi si uccide: a dare l’allarme la figlia di 8 anni

Drammatica conclusione di una storia d’amore. Ha ucciso la compagna con un colpo di pistola alla testa dopo una furibonda lite e poi si è ucciso. La tragedia si è consumata sotto gli occhi terrorizzati della figlia di otto anni della coppia: la bambina è riuscita a dare l’allarme chiamando i fratellasti. La vicenda è avvenuta nella tarda serata di domenica in un’abitazione di Riofreddo, un paesino alle porte di Roma: l’allarme al 112 è arrivato intorno alle 22.30.

Uccide la compagna: il movente è passionale

Quando gli investigatori sono arrivati hanno trovato la coppia in una pozza di sangue. La donna, un’italiana di 47 anni, era già morta e il  compagno era in fin di vita. Il movente sarebbe passionale, la vittima voleva infatti lasciare il compagno. L’uomo, un italiano di 51 anni, subito dopo avere sparato alla compagna ha tentato di togliersi la vita, usando la stessa arma con cui ha ucciso la donna. L’uomo è stato poi trasportato in condizioni disperate all’ospedale dell’Aquila, ma è morto lunedì mattina. Sulla vicenda indagano i carabinieri della compagnia di Subiaco.