Anche Rutelli bastona Marino: «Altro che fogne, senza la destra dove va?»

«Siamo all’ultimo spiraglio. Questione di pochi giorni, forse poche ore. Poi l’incarognimento della situazione romana non sarà recuperabile». Intervistato dal Corriere della Sera, l’ex sindaco di Roma Francesco Rutelli fa “un appello alla responsabilità civica e nazionale di tutti. A trovare convergenze prima del baratro. Non si considerano le conseguenze di uno scontro a tutto campo”. Per Rutelli il sindaco Ignazio Marino “dovrebbe uscire dal bunker e fare una mossa del cavallo: una giunta di altissimo profilo, con esponenti moderati dell’opposizione. Di fronte a una immissione di energie positive, il governo farebbe volentieri un passo indietro”. Rutelli lancia “due proposte operative. Primo, preparare un Giubileo di manutenzione urbana, interventi minimi e diffusi per il decoro della città. Secondo, una task force trasversale per la legalità e la trasparenza. Non basta un assessore. Occorre prendere in mano ogni procedura, invitando magistrati, prefetti, carabinieri e finanzieri che hanno finito il servizio a dare una mano”. Oltre al Giubileo, su cui “il governo non aiuta Marino”, c’è la questione Olimpiadi, e “la candidatura olimpica – osserva Rutelli – non si regge senza l’appoggio dell’opposizione: in questo clima da “ritorno nelle fogne” è improponibile”. Altro che scontro, per Rutelli senza centrodestra il sindaco è finito.