Roma, in manette tre stranieri: rapina in villa come in un film del terrore

Due romeni, di 27 e 30 anni, e un russo di 28 anni, sono stati arrestati dalla polizia per rapina in villa pluriaggravata in concorso, sequestro di persona, porto abusivo di armi e lesioni personali. La notte fra il 29 ed il 30 maggio scorsi, la banda di stranieri ha compiuto una rapina nell’abitazione di una coppia a Morena. Dopo essersi introdotti nel giardino della villa, i malviventi hanno atteso il rientro della coppia e della figlia minore per accedere all’interno dell’abitazione, dove hanno immobilizzato il proprietario di casa con nastro adesivo, dopo averlo percosso e stordito con l’utilizzo di un taser elettrico.

Rapina in villa, un uomo immobilizzato e la moglie minacciata

La medesima arma è stata usata contro la moglie la quale, insieme alla figlia minore di anni 9, è stata portata in un’altra stanza e minacciata pesantemente. I tre stranieri si sono impossessati di alcuni gioielli ed orologi di valore, oltre che della modesta quantità di denaro presente in casa, per poi darsi alla fuga a bordo della vettura del proprietario, una Alfa Romeo Mito e di una Toyota Yaris in uso ai malviventi. Gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Roma hanno proceduto al controllo della Toyota Yaris con a bordo il cittadino rumeno, che è stato trovato in possesso della refurtiva. Successivamente gli altri due rapinatori sono stati rintracciati a Castelverde e sono stati trovati in possesso del taser elettrico e di alcuni oggetti provento della rapina. Durante le perquisizioni domiciliari sono stati sequestrati diversi proiettili, una pistola bumper idonea a forzare le serrature. Gli arresti sono stati convalidati dall’Autorità Giudiziaria che ha disposto per tutti e tre gli stranieri la custodia cautelare in carcere.