Misteriosa morte di un uomo e di una donna: s’indaga sull’omicidio-suicidio

Omicidio-suicidio: sarebbe questa la pista seguita dagli investigatori alle prese con l’indagine che punta a spiegare il mistero delle morti dell’uomo e della donna trovati privi di vita in un parcheggio di Vitinia, nel quadrante sud di Roma. Da quel poco trapelato fin qui si tratta di due italiani che avevano avuto una relazione. Sulla vicenda indagano i carabinieri di Ostia, alle prese con il rebus della doppia morte.

Omicidio-suicidio la pista seguita

Secondo quanto fin qui ricostruito l’uomo avrebbe ucciso la ex con due colpi di pistola e poi avrebbe puntato la stessa arma contro la sua tempia togliendosi la vita. È quanto emerge da una prima ricostruzione degli investigatori alle prese con i rilievi e le indagini sul campo relativi alla duplice uccisione di un uomo e di una donna, i cui cadaveri sono stati ritrovati tra le auto parcheggiate in una zona di sosta a Vitinia. I due sono stati identificati: si tratterebbe di una trentenne e di un quaranticinquenne, entrambi italiani che in passato sarebbero stati legati da una relazione sentimentale. Sul posto, dove sono al lavoro per svolgere e coordinare l’inchiesta i carabinieri di Ostia, sono presenti anche gli agenti della polizia scientifica alle prese con i rilievi del caso: ma al di là della dinamica e della tempestica dei fatti omicidiari, restano soprattutto da chiarire i motivi scatenanti dell’omicidio-sucidio che potrebbe essere all’origine delle due morti.