McDonald’s: cura dimagrante negli Usa, ondata di chiusure mai vista

MacDonald’s,  il gigante del fast food  va in crisi per effetto della diffusione della moda salutista negli Usa, con tanto di cura dimagrante e di lotta senza quartiere ai grassi e agli alimenti ipercalorici. Per la prima volta in oltre 40 anni quest’anno McDonald’s chiuderà infatti negli Stati Uniti più ristoranti di quelli aperti. Non accadeva dal 1970. Il tempio dell’hamburger  non ha precisato il numero dei ristoranti che chiuderà, ma ha detto che la riduzione sarà “minima” rispetto agli oltre 14 mila punti che ha nel Paese. Tuttavia, la tendenza mostra come le difficoltà del gruppo siano crescenti, nonostante il tentativo di riorganizzarsi di fronte a una concorrenza molto aggressiva. Concorrenza portata avanti da gruppi come Chipotle o Five Guys Burgers, che offrono prodotti di maggiore qualità’ a prezzi competitivi. I tagli McDonald’s non interesseranno solo gli Stati Uniti, ma anche il resto del mondo con la chiusura di 700 punti. Ciò nonostante McDonald’s resta la catena di hamburger più grande del Paese con più del doppio delle location della seconda in classifica, Burger King. A livello mondiale ha invece oltre 36 mila ristoranti.