Madrid, Plaza de Toros insanguinata: torero trafitto all’inguine (video)

Ci ha lasciato letteralmente le palle. Per la precisione, una delle due. Il torero Marco Galan si ricorderà per tutta la vita della sua performance di domenica scorsa alla Plaza de Toros de Madrid, quando un esemplare di un paio di quintali gli ha incornato lo scroto davanti a migliaia si spettatori radunatisi in occasione della Feria di San Isidro. Il video prodotto dal sito dell’Indipendent mostra il banderillero correre incontro al toro e conficcargli le lance nella gobba, prima che l’animale alzasse la testa riuscendo a scaraventarlo al suolo. Marco Galan è stato colpito per la prima volta dalla corna sinistra all’inguine, poi la destra gli ha squarciato la giacca sulla schiena trascinandolo nella sabbia. Poco dopo lo staff è entrato in scena per distrarre l’animale e Galan si è potuto rialzare con una profonda ferita allo scroto, costatagli la fuoriuscita del testicolo sinistro, secondo quanto riportato da “El Mundo”. Il torero è stato operato d’urgenza all’arena ancor prima di essere trasferito all’ospedale San Francisco de Asìs. Il toro-castratore è stato ucciso poco dopo con il “descabello”, il pugnale per dare il colpo di grazia. C’è da ricordare che la controversia sulle corride in Spagna è stata regolata solo un paio di anni fa. Quando il parlamento spagnolo ha concesso alla corrida lo status di patrimonio culturale, appunto nel 2013, scoraggiando altre provincie a seguire l’esempio della Catalogna e delle Canarie, che avevano bandito lo spettacolo dal loro territorio rispettivamente nel 2010 e nel 1999.