Jobs Act, per gli imprenditori merita un 5. Non ha creato occupazione

Il Jobs Act ha incrementato il lavoro a tempo indeterminato ma nella gran parte dei casi si tratta di stabilizzazione di contratti precari e non di un incremento dell’occupazione. Questo il dato che emerge dal sondaggio “Il Jobs Act a 4 mesi dall’entrata in vigore” della Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro realizzato in occasione della sesta edizione del Festival del lavoro, secondo cui solo il 40% degli intervistati pensa che il Jobs Act abbia ricadute economicamente e socialmente significative sul proprio territorio. Gli imprenditori hanno anche assegnato un voto al jobs act e il risultato è un risicato 5.

Jobs Act, che accadrà quando finiranno gli incentivi?

Oltre il 70% del campione ritiene che non siano aumentate le assunzioni ma si tratti di trasformazione di contratti già in essere. Appena il 10% dei datori di lavoro si ritiene pienamente soddisfatto dei contenuti del Jobs Act, tanto da definirlo uno strumento essenziale per lo sviluppo dell’impresa. Un terzo afferma invece che avrebbe preferito un’altra tipologia di intervento o addirittura lo trova inutile. La preoccupazione maggiore degli intervistati riguarda cosa accadrà alla scadenza degli incentivi previsti dalla legge di stabilità 2015 e che consente ai datori di lavoro di non pagare i contributi Inps per tre anni fino a poco più di 8 mila euro. Il 71% del campione ritiene che alla fine del periodo si tornerà ai livelli precedenti la riforma, anche perché ben il 73% degli intervistati non vede alcun segnale di ripresa economica. Il 29% del campione stima invece che nel prossimo futuro potranno aumentare le assunzioni, ma, nella quasi totalità, chi ha una percezione positiva del futuro (miglioramento economico generale e quindi aumento dell’occupazione) appartiene alle aree del centro-Nord. Il 75% del campione infine non ha notato particolari cambiamenti nello svolgimento delle proprie attività professionali dal momento dell’entrata in vigore del provvedimento.