Caldoro: «De Luca vince grazie agli impresentabili, all’Udc e a De Mita»

Si sa bene a chi deve dire grazie il nuovo governatore della Campania. «Non c’è dubbio che la vittoria di De Luca sia segnata dai risultati dei cosentiniani e dell’Udc». Così ha commentato Stefano Caldoro, governatore uscente della Campania, l’affermazione di De Luca. «È evidente – ha aggiunto- che di questa vittoria va dato merito politico-elettorale all’Udc, e quindi a De Mita», e ai cosentiniani «che insieme hanno raggiunto il 3,5%». Caldoro in conferenza stampa ha aggiunto: «De Luca ha detto che la legge Severino non avrebbe creato problemi, percheé non sarebbe stata applicata a chi è eletto la prima volta. Non credo che sarà così», ha detto Stefano Caldoro,. «Se è vero che a lui non si applica, come ha detto, allora ci troveremo di fronte a una verità, altrimenti ci troveremo di fronte a una bugia Speriamo – ha sottolineato – che sia giusta l’interpretazione, o meglio che siano giuste le promesse, di De Luca e del Governo».

«Sarò tra i banchi dell’opposizione, non scappo il giorno dopo», ha poi ribadito, rispondendo a una domanda sulla sua permanenza in Consiglio regionale a fare il capo dell’opposizione. «Sarò tra i banchi dell’opposizione. Ho sempre fatto scelte di coerenza e rappresenterò l’attività di questa Giunta regionale tra i banchi dell’opposizione». Renzi vince la Campania, ma perde la faccia perché ha puntato su un candidato sul quale pendono le conseguenze della Legge Severino. «La vittoria di De Luca é stata contrassegnata dagli avvenimenti di questi giorni che hanno prodotto un elemento di rivalsa a Salerno».  A Salerno – ha evidenziato Caldoro – questa «forma di rivalsa ha determinato sulla candidatura di un salernitano un risultato straordinario che dà una differenza di 110 mila voto solo sulla provincia di Salerno». «Stefano Caldoro è stato il migliore presidente della storia della Regione Campania e ha risanato guasti di generazioni di cattivi maestri. Questo è un giudizio condiviso anche da tanti che hanno votato a sinistra per appartenenza ideologica». Così, sul suo profilo Facebook, Gianfranco Rotondi di Forza Italia.