Il banchiere Bazoli dà ragione al Papa: sulle banche Usa ha detto la verità

“I popoli hanno pagato il salvataggio delle banche”: lo scrive papa Francesco nella sua enciclica “ecologica” e il banchiere cattolico Giovanni Bazoli, presidente del consiglio di sorveglianza di Intesa San Paolo, gli dà ragione. “Quando si parla di banche si parla di esperienze totalmente diverse. Se parliamo di banche americane, il Papa ha senz’altro ragione”, commenta sul Corriere della Sera Giovanni Bazoli. E continua:  “La crisi che l’America ha esportato nel mondo – sottolinea il presidente del Consiglio di sorveglianza di Intesa San Paolo – non è cominciata come crisi industriale, ma come crisi finanziaria; e le banche ne sono state una delle cause principali. Poi si può discutere se sia stato opportuno o meno salvarle. C’è anche chi sostiene – aggiunge – che lasciar fallire la Lehman Brothers abbia aggravato la crisi. È dubbio se si siano provocati più danni ai poveri salvando le banche con il loro denaro o se, lasciandole fallire, si sarebbero provocati danni ancora più gravi”. “Va ricordato comunque – sottolinea il banchiere cattolico – che le banche dell’Europa continentale sono state aiutate molto meno rispetto alle banche anglosassoni; e quelle italiane quasi per nulla”.