Ballottaggi, 2 milioni al voto. Riflettori puntati sulla sfida di Venezia

È silenzio elettorale in vista del turno di ballottaggio che domenica riguarderà 12 dei 17 capoluoghi andati al voto il 31 maggio e complessivamente 78 comuni, 13 dei quali in Sicilia. Il turno di ballottaggio nei comuni interesserà un corpo elettorale di oltre 2 milioni di elettori; le sezioni elettorali saranno 2.524.

La partita più importante a Venezia

Tra tutti i comuni al voto, la partita più importante si giocherà a Venezia, commissariata dopo la vicenda dello scandalo Mose e l’arresto, il 4 giugno dell’anno scorso, del sindaco Giorgio Orsoni. Nel complesso le città al voto saranno quindi, oltre Venezia, Mantova, Lecco, Rovigo, Arezzo, Macerata, Fermo, Chieti, Trani, Matera, Nuoro e Enna. Sindaci già eletti invece in 5 città: Andria (Nicola Giorgino, centrodestra), Vibo Valentia (Elio Costa, liste civiche), Tempio Pausania (Andrea Biancareddu, lista civica), Sanluri (Alberto Urpi, lista civica), Agrigento (Calogero Firetto, Pd-Ncd-Udc). L’attenzione degli addetti ai lavori si poserà sul prossimo inquilino di Ca’ Farsetti, sede del comune di Venezia, dove la partita è ancora aperta tra l’ex pm ed esponente Pd, Felice Casson (38%), e l’imprenditore Luigi Brugnaro (28,6%).

Gli altri ballottaggi

A Mantova Mattia Palazzi del centrosinistra, forte del 46,5% del primo turno, cercherà di battere definitivamente Paola Bulbarelli (Forza Italia-Lega), fermatasi al 26,4%, confermando così una tradizione di centrosinistra nella città lombarda, interrottasi soltanto una volta, nel 2010, e proprio in fase di ballottaggio. A Lecco se la vedranno Virginio Brivio (centrosinistra) e Alberto Negrini (centrodestra), rispettivamente con il 39,2% e il 26,5%. A Rovigo centrosinistra in vantaggio, con la candidata Nadia Romeo che si è imposta al primo turno con il 24,1%, staccando di poco Massimo Bergamin del centrodestra (18,8%). Fiato sospeso ad Arezzo, dove Matteo Bracciali del centrosinistra, con il 44,2%, cercherà di imporsi sulla candidata del centrodestra, Alessandra Ghinelli, arrivata al 35,9%. Sarà tutto da vedere l’esito del ballottaggio a Fermo tra Pasquale Zacheo del centrosinistra (24,8%) e il suo avversario delle liste civiche Paolo Calcinaro (22,9%). A Chieti si affronteranno il sindaco uscente di centrodestra Umberto di Primio (37%) e Luigi Febo del centrosinistra (30,2%), mentre a Trani Amedeo Bottaro (centrosinistra), con il 47,4%, se la vedrà con Antonio Florio (centrodestra). Quasi un testa a testa a Matera, con Salvatore Adduce per il centrosinistra (40,1%) e Raffaello De Ruggeri (Liste civiche), che lo tallona con il 36%. Nessun favorito a Nuoro, dove il candidato di centrosinistra, Alessandro Bianchi (29,9%), deve vedersela con Andrea Soddu, sostenuto al primo turno da alcune liste civiche, che gli hanno dato il 21,4% dei consensi. A Enna infine la sfida sarà tra Vladimiro Crisafulli, candidato del centrosinistra in testa con il 40,9%, e Maurizio Dipietro (centrodestra), che ha ottenuto il 24,3% al primo turno.