Un’infermiera muore dopo un banale intervento estetico alle palpebre

Un banale intervento estetico alle palpebre si è trasformato in un evento fatale per una donna di 46 anni, operata nei giorni scorsi in una clinica privata di Milano. Durante l’intervento chirurgico Rosa Angela Lavorgna, un’infermiera di Villanova (Lodi) sarebbe andata in shock anafilattico, ed era stata trasportata d’urgenza al reparto di Rianimazione dell’ospedale Fatebenefratelli.

L’infermiera morta dopo l’intervento, disposta l’autopsia

La procura di Milano ha aperto un fascicolo d’inchiesta a carico di ignoti. L’ipotesi di reato è quella di omicidio colposo. Si sta occupando del caso il pm Alessia Miele, che ha disposto l’autopsia per risalire alle cause della morte. Dopo un ricovero di alcuni giorni, durante i quali la donna era in coma, i medici non hanno potuto fare altro che dichiararne la morte cerebrale. La donna lavorava come infermiera all’ospedale di Lodi, principalmente nel reparto di urologia. Era sposata, e madre di un ragazzo di 15 anni. Martedì sera, dopo aver trascorso alcuni giorni in coma nella terapia intensiva del Fatebenefratelli, i medici hanno avviato le procedure per dichiararne la morte, poiché da diverso tempo non era stata rilevata alcuna attività cerebrale. Ora un’autopsia dovrà appurare se ci siano collegamenti tra le conseguenze dell’intervento estetico ed eventuali allergie della donna, come ad esempio a farmaci o ad anestetici usati durante la procedura chirurgica.