Tripoli avvisa: l’Isis prende la mazzetta del 50% sul traffico dei migranti

“Il 12 maggio scorso, il ministro dell’Informazione del Governo di Tobruk, Omar El Gawari, aveva annunciato le infiltrazioni di terroristi dell’Isis tra i profughi. Stavolta è il consigliere del governo libico, Abdul Basit Haroun, intervistato dalla BBC a mettere in guardia l’Europa”: secondo Il Tempo, la notizia è grave: l’Isis prende la mazzetta del 50% sul traffico dei migranti.

Così Isis guadagna sui disperati in fuga

“Ma l’aspetto più inquietante”, si legge sul  Tempo, è che “l’Isis carica i suoi uomini sui barconi perchè la polizia non li controlla, non sapendo chi è dell’Isis e chi invece è un rifugiato”.

La polizia non controlla chi sale sui barconi

D’altronde, “molti clandestini danno false generalità e rifiutano il fotosegnalamento e di lasciare le impronte digitali. Un modo per muoversi nell’anonimato più totale”. Non a caso né Londra né Parigi vogliono la loro “quota” di migranti.