Trieste, comunisti in corteo inneggiano a Tito. Una pagina Fb per dire basta

Basta coi nostalgici titini che ogni anno in occasione del primo maggio non perdono occasione per inneggiare ancora a Tito e ai criminali del IX Corpus. Proprio il primo maggio del 1945 Tito entrò infatti con le sue truppe a Trieste e ne scaturirono 40 giorni di orrore per la città e in particolare per gli abitanti italiani. Una pagina che, per rispetto del capoluogo giuliano e delle vittime di allora, non andrebbe riaperta con tale fanatica superficialità.

Basta nostalgici di Tito a Trieste

E su Fb è stato aperto un gruppo, “Basta nostalgici titini il 1 maggio”, in cui vengono pubblicate le foto del corteo nostalgico del comunismo titino che ha indignato tanti triestini. Un evento che purtroppo non è inedito, visto che questi personaggi possono godere dell’appoggio del presidente del consiglio comunale triestino Iztok Furlanic, il quale dichiarò pubblicamente la sua gratitudine a Tito per le “imprese” compiute a Trieste nel 1945.

Giorgia Meloni: “Mi fate schifo, onore ai martiri delle foibe”

Anche Giorgia Meloni, sulla sua pagina Fb, si è scagliata contro l’iniziativa, corredando le foto del corteo filo-titino con il sgeuente commento: “Trieste, corteo del primo maggio. Nostalgici comunisti inneggiano alla Jugoslavia di Tito. Mi fate schifo. Viva l’Italia e onore ai martiri delle foibe e agli esuli di Istria, Fiume e Dalmazia”.